Progetto “Anirban Rural Welfare” - Calcutta, India

Nel distretto di Gondia Bhadura, a circa 60km da Calcutta, Skychildren in partnership con  ANIRBAN RURAL WELFARE SOCIETY lavora per aiutare centinaia di famiglie che vivono in alcuni villaggi rurali di una delle zone più povere dell’India. Il progetto è incentrato sulla scolarizzazione di 500 bambini: le persone che abitano queste aree sono per lo più contadini e braccianti analfabeti che vivono alla giornata. Gli anziani e i genitori non hanno ricevuto un’istruzione e molto spesso, quindi, sono analfabeti e non sono a loro volta in grado di garantire la scuola ai loro bambini, specialmente quando vivono in condizioni di estrema povertà.

Nella scuola di Anirban, oltre a ricevere un’istruzione di base a sostegno e a volte a compensazione di quella formale, i bambini sono protetti dal lavoro minorile, accompagnati in un percorso formativo e coinvolti in attività ricreative che li aiutano a sviluppare le loro capacità. Lo scorso anno abbiamo costruito e inaugurato un nuovo piano dell’edificio scolastico, per consentire ad ancora più studenti di accedere all’istruzione. Questi bambini saranno la prima generazione istruita nelle loro famiglie!

Nuovo progetto in corso: cliniche itineranti

I villaggi nelle campagne distano parecchie ore di auto dagli ospedali di Calcutta e spesso i bambini ricevono cure mediche solo quando le malattie sono ormai a uno stadio troppo avanzato. Per questo, abbiamo introdotto il progetto delle “Cliniche Itineranti” nei villaggi rurali. Si concretizzano in una lunga e intensa giornata ogni mese, durante la quale vengono allestiti degli ambulatori temporanei e un dispensario: gli abitanti dei villaggi possono così accedere a cure mediche di base di estrema importanza quali viste mediche generali, profilassi vaccinali, terapie farmacologiche, somministrazione di vitamine, pasti nutrienti per neonati e future mamme.

Il progetto sostenuto da SKYCHILDREN include una componente significativa di “counseling” da parte di qualificati operatori sociali. L’intera comunità viene contattata e coinvolta in successivi incontri individuali e collettivi in cui si cerca di promuovere la conoscenza riguardo alle malattie, di fare prevenzione, di aiutare queste persone ad accedere ai servizi sanitari governativi (è stata costituita una rete con gli ospedali statali, dove vengono inviati i pazienti più gravi o cronici) e, in generale, di favorire un miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie e dell’utilizzo di acqua potabile. Un’attività fondamentale è il “controllo” che gli operatori fanno, famiglia per famiglia, successivamente alla giornata della clinica, per verificare che le medicine consegnate non vengano rivendute, dimenticate o assunte in maniera non corretta.

Risultati raggiunti: realizzazione del secondo piano della scuola, pozzo di acqua potabile e servizi igienici, assistenza medica con le cliniche itineranti.